Martedì 26 Settembre 2017

I Portici un anno dopo. M5S: "C'è molto da fare per rendere decorosa la vita in questa area"

Mercoledì 12 Luglio 2017 - Forlì

Giovedì 13 luglio, l'Assemblea pubblica “MoVimento in Ascolto” dei 5 Stelle torna al quartiere Musicisti Grandi Italiani per fare il punto sulla situazione di questa zona della città

A distanza di un anno, il Meetup di Amici di Beppe Grillo torna a "I Portici" con "Movimento in Ascolto", il ciclo di assemblee pubbliche itineranti con i due consiglieri del M5S di Forlì, Daniele Vergini e Simone Benini; l’appuntamento è per giovedì 13 luglio ore 21 nei giardini pubblici situati all’altezza di via Bonali 48/58.


“Abbiamo inaugurato questa iniziativa un anno fa proprio proprio qui ai Portici, con l'intento di accendere i riflettori - dichiarano in una nota i due consiglieri pentastellati - sulle problematiche presenti nei quartieri; quella serata fu un successo con grande affluenza di cittadini, e nel corso di questi 12 mesi in altri 4 appuntamenti simili abbiamo incontrato i cittadini dei quartieri Pievequinta, Caserma, Casemurate, Romiti, Schivonia, San Biagio, Malmissole, Barisano, Poggio, Roncadello e San Giorgio, e domani torneremo con piacere nel quartiere Musicisti Grandi Italiani per chiudere il cerchio di questo primo anno di incontri”.


Il centro commerciale “I Porticifu aperto nel 2004; oggi, dopo 13 anni, la zona residenziale costruita intorno si trova al culmine di una crisi che vede accomunati in un unico destino cittadini, residenti e imprenditori che avevano scommesso sul rilancio del reticolo di via Colombo, in posizione strategica vicino alla stazione, ma hanno visto invece sprofondare la zona nel degrado. “Sarà l’occasione per fare il punto della situazione e confrontarsi se quanto messo in campo dall’Amministrazione in questo anno sia stato o meno sufficiente - sostengono Vergini e Benini - per poter rendere decorosa e serena la vita del quartiere, da anni in stato di abbandono. Da quanto ci viene riferito chi vive quotidianamente nella zona continua a percepire una situazione di scarsa sicurezza. E i fatti di cronaca che si sono susseguiti sulle pagine dei giornali non fanno altro che confermarlo: negozi che hanno chiuso i battenti, locali sfitti, mura imbrattate da scritte e bersaglio di atti vandalici, tentativi di stupro, ritrovo abituale di prostitute, spacciatori, senza fissa dimora e teppisti di ogni tipo”.

“Il bilancio della manifestazione dell’anno scorso fu più che positivo - ribadiscono il consiglieri del M5S - e in quell’occasione presero la parola mamme, capifamiglia, giovani, dipendenti delle attività pubbliche e private della zona. Insomma, persone che quotidianamente vivono la realtà dei “Portici”. Tutti lamentarono il disinteresse dell'amministrazione comunale, la mancanza di controllo diurno e notturno della zona e una situazione di malessere sociale crescente. Situazione che ha spinto il nostro Meetup a decidere di riunirsi, come atto simbolico, proprio in una sala in via Bonali ai Portici. Ad un anno da allora - concludono Vergini e Benini - sarà l’occasione per tracciare la linea netta che separa le promesse fatte dall’Amministrazione dai fatti di ciò che è stato realmente fatto o non fatto”.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it