Lunedì 24 Luglio 2017

Ausl Romagna, continua l'operazione di rafforzamento degli organici a Forlì

Sabato 15 Luglio 2017 - Forlì
Interno dell'Ospedale Morgagni Pierantoni di Forlì

L’Ausl sta mettendo in campo politiche importanti dal punto di vista del personale attraverso investimenti significativi per rafforzare, qualificare e ulteriormente equilibrare gli organici di tutti gli ambiti territoriali. Per quanto riguarda Forlì, nel recente passato sono stati nominati il direttore delle Cure Primarie di Forlì-Cesena dottor Riccardo Varliero e, in ambito ospedaliero, i primari di Anestesia Rianimazione, di Chirurgia e Terapie Oncologiche Avanzate e di Chirurgia Toracica.

 

Con queste scelte l'Ausl intende rimarcare la vocazione chirurgico/oncologica dell’Ospedale Morgagni Pierantoni di Forlì, anche in considerazione della prossimità con l’Irst di Meldola, col quale la collaborazione rimane rilevante. In questa direzione la procedura per la copertura del primariato di Chirurgia Senologica, già indetta e che verrà espletata entro l’anno, e che va a completare il quadro della presa in carico dei pazienti per la chirurgia oncologica, sia a livello forlivese che di tutta la Romagna.

 

Si aggiunge, nei medesimi tempi, l’espletamento del bando, per il primariato di Ortopedia e Traumatologia. La Regione ha autorizzato anche le procedure per la copertura dei primariati di Oculistica, di Medicina Interna e Lungodegenza, nonché quello di Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva di Forlì e Cesena. Sono state infine in fase di richiesta le autorizzazioni per le coperture di Urologia.

 

Si tratta, complessivamente, di 10 direzioni di struttura complessa, cui si aggiungono quelle di livello aziendale, che riguardano dunque anche Forlì, vale a dire la Farmacia Centralizzata di Pievesestina, la Genetica Medica ed il servizio di Immunologia e Medicina Trasfusionale. A quanto sopra si aggiungeranno le stabilizzazioni di circa 90 posizioni, di personale sia medico sia infermieristico e tecnico, oggi coperte da dipendenti a tempo determinato e rispetto alle quali si provvederà gradualmente alla copertura a tempo indeterminato. Infine va ben sottolineato che si provvederà alla copertura dell’intero turnover dei pensionamenti.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it