Venerdì 24 Novembre 2017

Il Comune di Forlì revoca l'incarico al segretario generale. Il sindaco Drei: "Atti gravi"

Martedì 14 Novembre 2017 - Forlì
Davide Drei, sindaco di Forlì

L'annuncio in apertura di consiglio comunale: "Serie di comportamenti tali da rompere il rapporto fiduciario, informata la Procura per la possibile rilevanza penale"

"La giunta ha deliberato l'avvio del procedimento di revoca dell'incarico di segretario generale a Lia Piraccini". Colpo di scena, nel pomeriggio, all'avvio del Consiglio comunale di Forli'. Il sindaco Davide Drei annuncia la decisione in conseguenza di una "serie di comportamenti di gravita' tale da rompere il rapporto fiduciario". Per la "possibile rilevanza penale", aggiunge, e' stata informata la Procura e sui fatti grava il segreto istruttorio. Ora il segretario avra' la possibilita' di un'audizione per l'esame delle controdeduzioni a seguito del quale si arrivera' al provvedimento conclusivo. 

"Chiederemo autorizzazione alla Procura per dare ulteriori informazioni", aggiunge il primo cittadino.
Dai banchi della minoranza il Movimento 5 Stelle trova "strana" la coincidenza con la vicenda gettoni e si interroga sul ruolo dell'avvocatura. Lauro Bondi di Forza Italia aveva capito che c'era qualcosa di strano vedendo in Comune tanti uomini della Guardia di finanza, "ma poteva essere di tutto. Escludiamo possa interessare i gettoni. Fosse quello sarebbe in concorso con i 5 stelle".

Da qui la richiesta al sindaco di essere informati: "Vogliamo sapere di piu'". Il leghista Daniele Mezzacapo auspica "si risolva nel migliore dei modi per Piraccini. Chi lavora sbaglia e ha ricevuto responsabilita' notevoli. Era una persona di fiducia di questo sindaco e questa giunta". Per Paola Casara di Noi forlivesi "non abbiamo elementi per dare un giudizio", mentre Davide Minutillo di Fratelli d'Italia aspetta "l'evoluzione degli eventi".

Dalla maggioranza il capogruppo del Partito democratico Maria Maltoni definisce la scelta "ponderata e non facile. Nei limiti del possibile il sindaco informi il Consiglio", mentre il collega di Noi con Drei, Mario Peruzzini sottolinea che la decisione "nasce da piu' lontano dei gettoni", per mandare le carte in Procura "non e' nata da poco, da anni abbiamo messo in discussione l'operato del segretario", a partire dalla questione dei debiti fuori bilancio.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it