Mercoledì 14 Novembre 2018

Spari contro stranieri a Forlì. Ragni (Forza Italia): "Mai tanto sdegno prima dal sindaco Drei"

Mercoledì 11 Luglio 2018 - Forlì
Fabrizio Ragni, coordinatore provinciale di Forza Italia Forlì-Cesena e capogruppo comunale a Forlì

Il coordinatore provinciale forzista: "Individuare gli autori di questi gravi episodi di intimidazione, ma che non si strumentalizzino i fatti per utilità politica"

"Il diritto alla sicurezza invocato dal sindaco Drei a proposito degli stranieri coinvolti in questi due episodi deve essere esteso e garantito contestualmente alle migliaia di cittadini forlivesi vittime di furti, scippi, e mancata assistenza e soccorso di ogni tipo. Diciamo pure che mai il sindaco Drei aveva dimostrato tanto sdegno verso italiani e nostri concittadini vittime di episodi di violenza". Lo afferma il coordinatore provinciale di Forza Italia Forlì-Cesena e capogruppo comunale di Forza Italia Fabrizio Ragni, intervenendo sulla vicenda degli stranieri feriti lievemente da colpi sparati da pistole ad aria compressa e commentando le parole del sindaco Davide Drei, che aveva espresso solidarietà alle vittime. 

Un sentimento condiviso anche dall'esponente di Fi, che tiene a precisare, però, che "ogni forma di strumentalizzazione ad uso politico di questi fatti, pur inquietanti, è da respingere al mittente. Perché la questione dell'accoglienza dei migranti è complessa, oggetto di provvedimenti governativi e dell'Unione europea, oggetto di studio accademico ed è anche tema su cui non c'è unanimità". 

Sul caso stanno indagando i carabinieri per capire se dietro a questi episodi ci sia la stessa mano. Un componente della consulta degli stranieri, Gbeu Serge Diomande, è intervenuto a raccontare l'episodio. E hanno espresso la loro opinione stigmatizzando l'accaduto appunto il sindaco Davide Drei e l'assessore alle Politiche sociali del Comune di Forlì, Raoul Mosconi. Da parte sua la Comunità africana ritiene che si tratti di aggressioni a sfondo razzista e sta valutando l'organizzazione di una manifestazione pubblica.

"Questa nostra precisazione è doverosa - spiega Ragni nella nota - viste anche le critiche che, in maniera motivata, stiamo muovendo da mesi a questa amministrazione comunale incapace a risolvere le grandi sfide della nostra epoca in tema di: migrazione e immigrazione clandestina e contenimento delle attività della micro e macro criminalità in una città un tempo tranquilla come era Forlì. Ed arriviamo a dire che proprio questa inadempienza di chi dovrebbe garantire a livello locale sicurezza ed ordine pubblico ha concorso insieme ad altri fattori interni ed internazionali altrettanto gravi a inquinare il tessuto sociale in qui ogni giorno viviamo. Un tessuto sociale teatro, come in questo caso, di episodi gravi di intimidazione e violenza".

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it