Venerdì 14 Dicembre 2018

Chiusura Ravegnana. Acqua sotto il manto stradale: i tempi per ripristino viabilità si allungano

Lunedì 3 Dicembre 2018
Crollo del ponte a San Bartolo (foto d'archivio)

Domani, martedì 4 dicembre, alle ore 20.30, si terrà a San Pietro in Trento un'assemblea richiesta dal consiglio territoriale di Roncalceci - a cui parteciperanno il sindaco Michele de Pascale e l'assessore ai Lavori Pubblici Roberto Fagnani - che affronterà la questione delle tempistiche necessarie per ripristinare la viabilità lungo il tratto della Ravegnana che collega Ravenna a Forlì, in seguito alla frana dell'argine all'altezza della chiusa di San Bartolo avvenuto lo scorso 25 ottobre. La notizia è riportata tra le pagine di cronaca locale de "Il Resto del Carlino"in edicola oggi, lunedì 3 dicembre.

Proprio su questo fronte le notizie dei tecnici, che hanno effettuato i controlli alla chiusa, non appaiono per niente rassicuranti. Infatti, dopo le verifiche fatte sulle condizioni dell'argine e sullo strato sottostante alla Ravegnana all'altezza della frana, gli operatori hanno potuto constatare che non solo l'acqua è penetrata sotto l'argine causandone il crollo, ma si è infiltrata sotto il manto stradale arrivando fino alla parte opposta

"Posso solo dire che i danni sono ingenti", ha dichiarato il sincado de Pascale, mentre l'assessore Fagnani ha aggiunto che "in questa situazione fretta e sicurezza non vanno d'accordo".

La Regione con una procedura di massima urgenza, ricordiamo, ha già stanziato 2 milioni di euro per eseguire gli interventi, salvo poi rifarsi nei confronti di coloro che saranno ritenuti responsabili del crollo dell'argine, con conseguente disfatta di una parte del ponte sovrastante la chiusa che ha causato la morte del tecnico della Protezione civile, Danilo Zattaglia.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it