Mercoledì 20 Febbraio 2019

Partiti. Primarie Pd: la mozione Zingaretti con il 55,32% dei voti vince le assemblee del cesenate

Mercoledì 30 Gennaio 2019 - Borghi, Sarsina
Nicola Zingaretti, candidato alla segreteria nazionale del Partito Democratico

I risultati al termine delle 28 assemblee svoltesi nel territorio provinciale tra gli iscritti Dem

Con il Congresso di Sarsina tenutosi nella sera di lunedì 28 gennaio, che ha visto Zingaretti raggiungere il 55,56% dei consensi, si sono concluse le assemblee degli iscritti del Partito Democratico in vista delle primarie del 3 marzo. Il conteggio finale rivela sul territorio cesenate il successo della mozione Zingaretti, che ha raggiunto complessivamente il 55,32% dei voti. Al secondo posto tra le preferenze espresse dagli iscritti la mozione di Maurizio Martina con il 26,29% e al terzo posto Roberto Giachetti con il 12,10%. Seguono Maria Saladino al 3,23%, Francesco Boccia al 2,42%, Dario Corallo allo 0,65%.

Su 28 assemblee svoltesi, i circoli in cui la mozione Zingaretti ha vinto sono 19 e due in parità. La mozione del Governatore del Lazio si è affermata in 11 dei 15 comuni del comprensorio cesenate: Cesena (52,49%), Cesenatico (60,47%) Borghi (100%) Roncofreddo (100%) Gambettola (58,97%) Gatteo (50%) Mercato Saraceno (70,83%)  San Mauro Pascoli 85,71%, Sarsina (55,56%) Verghereto (58,33%), Bagno di Romagna (53,13%)  La mozione Martina si afferma invece nel comuni di Montiano (60%) e Savignano sul Rubicone (41,94%), quella di Giacchetti nel comune di Sogliano (66,67%). Parità invece nel comune di Longiano fra Zingaretti e Martina che ottengono rispettivamente il 41,18% dei voti.

Nel complesso hanno votato 655 persone su 2099 iscritti, pari al 31% degli iscritti.

“Si tratta di un risultato molto importante per la mozione Zingaretti - dichiara Daniele Gualdi, coordinatore del comitato Zingaretti del cesenate – che va al di là delle nostre migliori aspettative conquistando oltre la metà degli iscritti del PD cesenate, il 70% dei circoli e dei comuni in cui si è votato  Ma ciò che conta è che la discussione nei circoli sia avvenuta in un clima di rispetto reciproco e con un confronto sui temi politici utile a rilanciare il ruolo del PD. Ora la partita si sposta al 3 marzo quando si svolgeranno le primarie fra le prime tre mozioni scelte dai congressi di circolo. Da parte nostra vogliamo consolidare e possibilmente aumentare questo risultato coinvolgendo gli elettori del centrosinistra e non solo gli iscritti al Partito Democratico a partecipare numerosi alle primarie per la scelta del segretario”.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it