Mercoledì 20 Febbraio 2019

Promemoria Auschwitz 2019. Quarantacinque studenti del Forlivese in partenza giovedì 31 per Cracovia

Mercoledì 30 Gennaio 2019 - Bertinoro, Castrocaro Terme e Terra del Sole, Forlì, Forlimpopoli, Galeata, Portico e San Benedetto, Predappio, Santa Sofia
Gli assessori di alcuni Comuni forlivesi aderenti al progetto e Federica (Associazione Deina - Centro per la Pace Cesena)

Progetto di memoria e cittadinanza attiva, promosso dall’Associazione Deina in collaborazione con il Centro per la Pace di Cesena, che porta ragazze e ragazzi a conoscere i campi di concentramento e sterminio nazisti

Sono complessivamente 44 i ragazzi e le ragazze da Forlì e dal comprensorio forlivese che partecipano quest'anno al progetto Promemoria Auschwitz, un progetto di memoria e cittadinanza attiva, promosso dall’Associazione Deina in collaborazione con il Centro per la Pace di Cesena, che da anni porta centinaia di ragazze e ragazzi provenienti da ogni parte d’Italia a conoscere e cercare di capire due dei luoghi più terribili della storia del Novecento, i campi di concentramento e sterminio nazisti di Auschwitz e Birkenau. 

Sei ragazzi dal Comune di Forlimpopoli, 6 dal Comune di Bertinoro, 3 dal Comune di Predappio e 2 dal Comune di Castrocaro Terme e Terra del Sole grazie al contributo delle rispettive amministrazioni comunali e dell’Associazione Anpi Forlimpopoli e Forli-Cesena partiranno giovedì 31 gennaio con un treno speciale dal Brennero verso Cracovia. Anche altri Comuni del forlivese hanno aderito al progetto come Galeata, Santa Sofia, Forlì, Portico e San Benedetto.


Promemoria Auschwitz è un percorso che si compone di tre fasi, la prima consiste in una serie di incontri nei quali i gruppi (1 a Forlì e 1 a Forlimpopoli) hanno analizzato la storia con lavori di interazione e dialogo, la seconda è il viaggio vero e proprio e la terza forse la più importante è la restituzione ovvero come questi ragazzi riporteranno la loro esperienza grazie a progetti e iniziative che costruiranno in altri incontri successivi.

“È un viaggio nella storia e nella memoria - dichiarano gli amministratori dei vari Comuni aderenti - realizzato attraverso la scoperta dei luoghi e delle storie delle persone che hanno vissuto la tragedia della Shoah. Un’esperienza molto forte, che coinvolge i giovani partecipanti in riflessioni profonde che si pongono l’ambizioso obiettivo di stimolare nei ragazzi una partecipazione attiva e una conoscenza che, partendo dalle tragiche vicende storiche della seconda Guerra Mondiale, arrivi ad analizzare in maniera critica e costruttiva il presente che li circonda”.

“Vedere Auschwitz oggi - afferma Federica, educatrice in partenza con i ragazzi - e coglierne il significato, le implicazioni e le complessità non può prescindere da una prospettiva che non si limiti alla memoria nazionale ma sappia allargare lo sguardo a una dimensione micro e macro-regionale, europea. Universale. Guardare alla storia delle persecuzioni e degli stermini della seconda guerra mondiale significa infatti costruire la consapevolezza che i processi che ne furono alla base sono parte di un passato comune, così come lo sono le conseguenze sociali, politiche, culturali che quella storia ha portato”.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it