Mercoledì 19 Giugno 2019

Cronaca. Controlli della Polizia a Forlì: denunciati quattro giovani

Sabato 8 Giugno 2019 - Forlì
Controlli della Polizia nelle zone Villarovere, Carpena, San Varano, San Martino in Strada e Cà Ossi (foto d'archivio)

Servizi straordinari di controllo del territorio: procurato allarme il reato contestato a tre forlivesi tra i 20 e 22 anni in possesso di una pistola finta, un quarto deferito per rifiuto di indicazioni sull’identità personale

Nella mattinata di venerdì 7 giugno la Polizia di Stato di Forlì ha svolto un servizio straordinario di controllo del territorio disposto con ordinanza del Questore, al quale hanno partecipato le Volanti dell’Ufficio Prevenzione Generale e quattro equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine “Emilia Romagna Orientale” di stanza a Bologna. Il servizio - come spiega un comunicato della Questura - si è concentrato nei quartieri a monte, in particolare San Varano, Villarovere, Carpena, San Martino in Strada e Cà Ossi: sono state identificate 38 persone, di cui 6 stranieri, controllati 26 veicoli su strada e altri 260 con sistemi automatizzati di bordo. L’attività ha portato al deferimento in stato di libertà di tre giovani per il reato di procurato allarme all’Autorità, e uno per rifiuto di indicazioni sull’identità personale. 

Nel corso del servizio di controllo sono giunte al numero unico di emergenza alcune chiamate e segnalazioni da parte di cittadini spaventati per aver assistito ad una scena in cui i tre occupanti di una Toyota Yaris rossa avevano minacciato i passanti brandendo una pistola. In pochi minuti, anche grazie alle indicazioni ricevute, gli equipaggi della Polizia hanno individuato e bloccato quel veicolo, adottando nei confronti degli occupanti tutte le misure di sicurezza del caso, non potendo certamente sottovalutare la potenziale pericolosità della situazione. L’immediata perquisizione svolta dagli agenti ha portato al ritrovamento della pistola in questione, che si è poi accertato essere una replica innocua, dal punto di vista dell’offensività, ma certamente idonea quanto meno a spaventare o minacciare qualcuno, poiché di colore e dimensioni identiche ad una arma vera. I tre, che hanno cercato di giustificarsi affermando che stavano solo scherzando, sono ragazzi tra i 20 ed i 22 anni residenti in città, due dei quali già conosciuti per alcuni loro precedenti; i poliziotti li hanno accompagnati in Questura e a loro carico è stato redatto il sequestro dell’arma finta con contestuale denuncia alla Procura per il reato di procurato allarme. Sanzioni anche dal punto di vista del codice della strada: infatti il veicolo su cui circolavano non era in regola  con la revisione.

Nell’ambito dei controlli nelle zone maggiormente sensibili poiché oggetto di segnalazioni e/o esposti da parte di residenti per frequentazione di soggetti sospetti, una delle pattuglie impegnate nel servizio straordinario ha dato luogo al controllo finalizzato all’identificazione di due giovani, uno dei quali però ha cercato di sottrarsi all’attività di Polizia allontanandosi, addirittura urlando verso gli agenti “i documenti non li ho, adesso ho da fare”. Si tratta di 22enne nativo di Vittoria (RG) con qualche precedente, da qualche tempo in zona pur non avendo una stabile dimora. Questo suo atteggiamento, consistente in un netto rifiuto a fornire indicazioni sulle sue generalità, ne ha comportata la denuncia alla Procura della Repubblica per il reato conseguente.

 

Tutti i contenuti del sito sono disponibili in licenza Creative Commons Attribuzione

Credits webit.it