Cronaca. Truffa e usura, arrestato un 69enne forlivese per condanna definitiva

Deve scontare due anni di carcere per reati commessi nel territorio della provincia di Venezia

Più informazioni su

La squadra mobile della questura di Forlì-Cesena ha arrestato un forlivese 69enne che deve scontare una condanna definitiva a due anni di carcere per truffa e usura commessi nel territorio della provincia di Venezia. A fronte di un prestito di 965mila euro il forlivese si era fatto restituire dai debitori un milione e 370 mila euro, incassando interessi usurari per oltre 400 mila euro.

Lo stesso aveva riportato altre denunce nella provincia forlivese per emissione di fatture inesistenti nel 2008 e per dichiarazione infedele nel 2013 e ancora denunce nel 2015, 2016 e 2017 per truffa, riciclaggio ed associazione a delinquere.

Il tribunale di Padova ne aveva disposto l’arresto per il deposito di falsi bilanci per ottenere da istituti bancari cospicui finanziamenti (oltre 700 mila euro), nonché per aver distratto le somme di tali finanziamenti dai conti correnti di una società poi dichiarata fallita. 

Più informazioni su