“Angeli e Demoni”. Sugli affidi a Forlì la Lega promette: “vigileremo con tutti gli strumenti”

Più informazioni su

“Valuteremo, se necessario, la possibilità di istituire un organo di inchiesta sul sistema degli affidi a livello locale, in modo da fugare ogni dubbio sulla natura dei servizi sociali del nostro Comune”. A dirlo, in una nota congiunta, sono l’Assessore al Welfare e alle Politiche per la famiglia del Comune di Forlì, Rosaria Tassinari, e il capogruppo della Lega Massimiliano Pompignoli che spiegano: “lo scandalo che ha investito la rete dei servizi per l’infanzia nel reggiano sembrerebbe non essere un caso isolato e, anzi, si prefigurerebbe come l’ennesima manifestazione di un quadro contaminato del sistema socioeducativo e di tutela minorile della nostra Regione”.

“Questa Giunta” – aggiunge la Tassinari – “farà di tutto per tutelare la figura del minore e l’istituto dell’affido familiare. Vogliamo sviscerare nel dettaglio i possibili retroscena della vicenda di Bibbiano e, vista la gravità degli episodi, non escludiamo di istituire una commissione d’inchiesta sulla natura delle attività degli educatori e degli assistenti sociali che operano nel forlivese, per tutelare non soltanto i diritti dei minori e l’immagine dei tantissimi professionisti che gravitano nel settore, ma anche la stessa immagine del nostro Comune.”

“Su un tema trasversale e di grandissimo interesse sociale come quello della tutela dell’infanzia e il sistema degli affidi” – continua il capogruppo della Lega Pompignoli – “crediamo che vada garantita ai cittadini la massima trasparenza e il massimo dell’impegno. Ed è per questo motivo che, sulla falsariga dello strumento di inchiesta varato dal Presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini, stiamo valutando l’ipotesi di fare altrettanto, nel rispetto del riparto delle competenze e chiamando in causa tutti i protagonisti del sistema socio-assistenziale minorile del nostro Comune”.

Più informazioni su