Forlì ricorda Silver Sirotti, medaglia d’oro al valor civile, vittima dell’attentato al treno Italicus

Domenica 4 agosto ricorrerà il 45° anniversario dell’attentato al treno Italicus, avvenuto a San Benedetto Val di Sambro il 4 agosto 1974. La cerimonia di commemorazione avrà inizio alle ore 10.00, nel parco “Silver Sirotti” di via Ribolle dove, alla presenza dei familiari, delle massime autorità cittadine, dei Gonfaloni del Comune di Forlì e della Provincia di Forlì-Cesena, delle rappresentanze delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma, verranno deposti fiori al cippo che ricorda il sacrificio del giovane forlivese. Interverrà il Sindaco Gian Luca Zattini.

Il programma continuerà sempre nella giornata di domenica 4 agosto, alle ore 21.15, in piazzetta della Misura, con il concerto degli Intercity Gospel Train Orchestra, dedicato a Silver Sirotti ed offerto da Avis Comunale di Forlì. La serata sarà aperta da una breve riflessione alla presenza dell’Assessore alla Cultura Valerio Melandri, del presidente dell’Avis di Forlì Valdemaro Flamini e di Franco Sirotti, fratello di Silver. In caso di maltempo il concerto si svolgerà nella Chiesa San Mercuriale, piazza Saffi a Forlì.

L’esempio di Silver Sirotti 

Il 4 agosto 1974 sul treno “Italicus”, che collegava Roma con il Brennero, esplose una bomba provocando la morte di 12 persone e ferendone altre 48. La deflagrazione avvenne al termine della galleria di San Benedetto Val di Sambro, sulla linea Firenze-Bologna, a circa 40 Km da Bologna. L’attentato fu rivendicato dagli estremisti di “Ordine nero”. Fra i morti anche il ferroviere forlivese Silver Sirotti in servizio come controllore. Il giovane, diplomatosi all’Istituto tecnico industriale “G. Marconi” di Forlì nel 1968, era sopravvissuto all’esplosione ma trovandosi in vicinanza della vettura colpita e compresa la tragedia soccorse alcuni viaggiatori.

Quindi, visto che le fiamme si diffondevano sempre più, impugnò un estintore e tornò per l’ultima volta nella vettura maggiormente colpita, dove il fumo e le fiamme spensero la sua giovane vita. Nel 1975, con Decreto del Presidente della Repubblica, gli fu conferita la medaglia d’oro al valore civile per il coraggioso atto compiuto con la seguente motivazione: “Controllore in servizio, in occasione del criminale attentato al treno Italicus non esitava a lanciarsi, munito di estintore, nel vagone ov’era avvenuta l’esplosione per soccorrere i passeggeri della vettura in fiamme. Nel nobile tentativo, immolava la giovane vita ai più alti ideali di umana solidarietà. Esempio fulgido di eccezionale sprezzo del pericolo e incondizionato attaccamento al dovere, spinti fino all’estremo sacrificio”.