Quantcast

Il film di Loretta Cavallaro “La sera della prima” arriva in Romagna

Più informazioni su

Dopo l’anteprima al Social World Film Festival da stasera 1 agosto 2019 e fino a martedì 6 agosto, alle ore 20, il film della regista romana sarà in programmazione al Multiplex “Le Befane” di Rimini, in via caduti di Nassiriya 22.

Sempre dal 1° al 6 agosto, ma con inizio alle 20.45, la pellicola sarà in programmazione anche al Cinepalace Multiplex di Via Virgilio 19 a Riccione. A Forlimpopoli, il film verrà proiettato, ancora dal 1° al 6 agosto, al Cineflash Multiplex, in via Emilia 1403, dalle 20 e 30 salvodomenica 4 agosto che la proiezione inizierà  alle 18 e 30.

Il film, vincitore della sezione Schermo Napoli del Napoli Film Festival è un omaggio alla splendida città dove è ambientato e s’inserisce nel dibattito sulla “questione Napoli” mettendo in evidenza il buono della città a partire dalla rinnovata vitalità culturale frutto di lavoro e buone pratiche.

Un film che, attraverso l’esaltazione della riscoperta del teatro come forma d’arte, in cui Napoli – dalla commedia dell’arte, passando per Scarpetta, I De Filippo fino a Salemme e co. – ha raggiunto le più alte vette dell’eccellenza, utilizza la storia per evidenziare appunto, gli aspetti culturali e antropologici della città da contrapporre agli stereotipi che spesso i media rimandano, non solo della città partenopea, ma di tutta la regione.

Loretta Cavallaro, che del film è anche ideatrice sceneggiatrice, è una stimata ed apprezzata eclettica regista teatrale, laureato in filosofia, si diletta di giornalismo vedi cucina, a diretto con spigliata autorevolezza un cast di tutto rispetto in cui accanto al protagonista Francesco Tripodi, figurano Paola Casella e Massimiliano Colonna insieme a mostri sacri del teatro, del cinema e della musica italiana del calibro di Mariano Rigillo, Enzo Cannavale e Fausto Mesolella, lo storico chitarrista della Piccola Orchestra Avion Travel, scomparso il 30 marzo 2017, che ha curato anche le musiche del film.

Completano il cast: Gigio Morra, Lucio Allocca, Cicci Rossini, Norma Martelli, Giulio Adinolfi, Angela Rago, Ugo Francareggi, Gianni Lambrosio, Germano Bellavia, Gisella Szaniszlo,  Luciano Saltarelli ed Ettore Nigro.  Il film racconta la storia di Marino (Francesco Tripodi), un giovane imprenditore del Nord, che torna a Napoli per vendere la casa della madre, morta da poco. In quella casa,  chiusa da quando la donna aveva lasciato la sua città per sposare “il milanese” , Marino rinviene un copione che trova così bello da spingerlo a ricercare tutti membri della vecchia compagnia per mettere in scena-in onore della madre-quella commedia interrotta 35 anni prima. “Riusciranno i nostri eroi a mettere sulla compagnia?”  Forse sì, forse no, però non è la vita che conta ma, come sempre, il viaggio!

Tutto intorno ai personaggi c’è Napoli, che gli autori del film (Cavallaro e Tripodi) hanno volutamente rappresentato lontano dallo stereotipo di città del malaffare della “munnezza” « per evidenziare – dice la Cavallaro – la “maggioranza”: colta, operosa, talentuosa, cosmopolita, di alto profilo che rende la città un luogo accogliente bello da vivere e che oggi, a qualche anno di distanza, mostra di essere ancora più bella, più pulita, più accogliente tanto che, finalmente, si comincia a parlare di Napoli come città dell’arte E della cultura».

Più informazioni su