Ventenne forlivese ruba auto a Faenza sotto effetto di droga. Arrestato dai Carabinieri

Più informazioni su

Nella tarda mattinata di venerdì 16 agosto 2019, un ventenne nato a Reggio Emilia e residente a Forlì si è impossessato di una Fiat Punto parcheggiata in via Azzurrini a Faenza.

Il proprietario dell’auto ha dichiarato di aver sentito un forte rumore provenire dalla strada: “come se qualcuno a grande velocità e in maniera brusca fosse partito con un’autovettura”.

Uscendo immediatamente dal cortile, l’uomo ha constatato che un ladro aveva rubato la sua macchina. Il malcapitato ha chiesto ad una sua amica di avvertire i Carabinieri tramite il numero di pronto intervento “112”.

Nel frattempo, una pattuglia di Carabinieri impegnata in via Azzurrini, ha notato un ragazzo introdursi all’interno di un’autovettura e partire improvvisamente a forte velocità. Gli agenti hanno notato anche un uomo che, alla loro vista, ha iniziato a sbracciarsi per attirare la loro attenzione e segnalare il furto appena avvenuto.

La pattuglia si è messa immediatamente all’inseguimento dell’autovettura con a bordo il ragazzo che, alla vista della macchina istituzionale dei Carabinieri, prima ha accelerato la corsa e poi si è fermato dopo circa 200 metri in via Valgimigli.

Il ragazzo, in evidente stato di alterazione psico-fisica dovuta all’assunzione di sostanze stupefacenti, si è rifiutato di sottoporsi ad accertamenti presso struttura sanitaria, volti alla verifica della sua positività agli stupefacenti.

Inoltre, il ventenne, non è riuscito ad esibire la patente di guida ai carabinieri essendone sprovvisto e non è riuscito a fornire indicazioni sul perché guidasse un’autovettura non sua.

Il ragazzo ha infine confessato ai Carabinieri di aver rubato l’autovettura in via Azzurrini ed essendo risultato già con precedenti specifici per furto, rapina e ricettazione, è stato portato in caserma dove è stato arrestato in flagranza di reato per furto aggravato nonché denunciato per rifiuto di sottoporsi ad accertamenti sanitari per la guida sotto l’effetto di stupefacenti e la guida del veicolo senza patente poiché mai conseguita.

L’autovettura è stata immediatamente restituita al legittimo proprietario. Oggi, lunedì 19 agosto 2019, l’arresto è stato convalidato e sono stati chiesti i termini a difesa: il ragazzo è stato rimesso in libertà con obbligo di dimora nella provincia di Forlì e obbligo di firma a Forlì.

Più informazioni su