Quantcast

IRST. Il GAPP colpisce ancora e dona 2000 euro per la ricerca sui tumori al seno

Più informazioni su

Il GAPP, sodalizio che riunisce una ventina di ragazzi del territorio, specie cesenate, “colpisce” ancora. Per il secondo anno consecutivo, infatti, gli aderenti hanno deciso di devolvere 2.000 euro raccolti raccolto durante i loro eventi del 2019: non poco per studenti o giovani lavoratori – a favore della ricerca oncologica dell’Istituto Tumori della Romagna (IRST) IRCCS.

In particolare, la scelta fatta del GAPP, quest’anno coadiuvati da Vista Mare e Bandanas, è stata quella di confermare il sostegno, già assicurato lo scorso anno, a uno studio del Gruppo di Patologia Seno. Lo studio mira a comprendere, attraverso l’utilizzo della tecnologia Nanostring, quali siano i meccanismi che nelle pazienti positive alla proteina HER-2, consentono al tumore di sviluppare resistenza al trattamento con l’anticorpo monoclonale Trastuzumab (circa il 40% delle pazienti), ad oggi tra le cure d’elezione per queste patologie.

La consegna della liberalità si è tenuta in IRST e ha visto la partecipazione di alcuni membri del GAPP in rappresentanza del gruppo – Lorenzo Ricci, Dino Bellardi e Federico Ciotti – il dr. Andrea Rocca (Direttore SC Mammella) e la dr.ssa Roberta Maltoni, le ricercatrici del Laboratorio di Bioscienze – Settore di Gerobiomics che più direttamente seguono lo studio, la dr.ssa Sara Bravaccini (Principal investigator) e la dr.ssa Sara Ravaioli che hanno illustrato i passi e l’importanza di questo progetto. I giovani sostenitori hanno potuto, così, confrontarsi con i professionisti IRST, comprendere l’evoluzione dello studio – giunto oggi, in coerenza con le tempistiche date, alla fase di profilazione tramite Nanostring – e i passi futuri.

Più informazioni su