Eletti i nuovi organi dirigenti dei Giovani Democratici forlivesi

I Giovani Democratici forlivesi hanno eletto i nuovi organi dirigenti nel congresso che si è svolto domenica 1 dicembre. Federico Zappia, 20 anni, studente di Legge all’Università di Firenze, attivo nell’associazionismo studentesco di centro-sinistra, è stato eletto segretario della Federazione forlivese. Lorenzo Fabbri, 20 anni, studente di lettere moderne all’Università di Bologna, membro della segreteria regionale dei Giovani democratici, con delega a scuola e memoria storica, è stato scelto come segretario dei GD di Forlì. Zappia e Fabbri succedono a Salvatore Giannola, che aveva svolto l’incarico di segretario negli ultimi anni. Al congresso è intervenuta anche la candidata al consiglio regionale Rosa Grasso, unica candidata in Romagna under 30.

“Con questo congresso abbiamo deciso per la prima volta di attuare una divisione dei ruoli tra segretario cittadino di Forlì e segretario territoriale della federazione – spiegano i neo-eletti -. Lo abbiamo fatto perché crediamo che, in questo momento difficile per il centro-sinistra, sia necessario poter dedicare tempo ed attenzione in egual misura alla città, fulcro delle nostre attività politiche, e al territorio, dal quale abbiamo ricevuto già ora numerose adesioni da parte di ragazzi pieni di entusiasmo”.

“Il nostro obiettivo – afferma Fabbri – è quello di riportare tanti ragazzi ad appassionarsi all’attività politica. È una sfida difficile ma sono certo che con impegno e dedizione ce la faremo”. “Il prossimo impegno è rappresentato dalle imminenti elezioni regionali -prosegue Zappia -. Abbiamo già in programma numerosi impegni in giro per la città e per il territorio, con banchetti, iniziative politiche e manifestazioni, in sinergia con il Partito Democratico. Siamo lieti di poter contare su ottimi profili per le candidature del territorio al consiglio regionale, che sosterremo convintamente. Tra 4 anni vorremmo avere fatto in modo che i tanti ragazzi che guardano con sfiducia e scetticismo la politica di oggi, possano tornare ad essere protagonisti del percorso che portiamo avanti, volto a formare solidi cittadini e amministratori di domani”, concludono i segretari.