Elisa Petroni (ASI): fare sport a casa con coperture legate al tesseramento

Più informazioni su

La Gazzetta Ufficiale n. 70 del 17.03.2020 ha pubblicato il decreto legge 17 marzo 2020 n. 18 che vi riportiamo nei punti salienti, dice

Elisa Petroni, Presidente Provinciale ASI Forlì-Cesena, informa che per tutte le realtà sportive della città e Provincia di Forlì,  ASI ha raggiunto un accordo che estende tutte le abituali coperture legate al tesseramento, alle attività svolte in casa

“Le nostre Affiliate sono state tempestivamente informate, giorni fa, delle Istanze presentate al Governo e siamo disponibili a raccogliere tutte le proposte concrete utili a migliorare la condizione prossima di tutto il mondo del terzo settore – spiega la Petroni -. L’’emergenza epidemiologica Covid-19 non deve fermarci. È importante stare a casa e continuare a fare sport e essere garantiti in questa attività quotidiana fondamentale a livello psicofisico. Proprio per questo, per essere vicina ai suoi atleti  ASI ha raggiunto un accordo che estende tutte le abituali coperture legate al tesseramento, alle attività svolte in casa.  Con ASI potrai allenarti tranquillamente in casa godendo della nostra copertura assicurativa per le seguenti attività:

1) Ginnastica finalizzata alla salute ed al fitness
2) Esercizi di mantenimento atletico
3) Esercizi di allenamento e riscaldamento per attività di danza ed arti marziali

“Vi riportiamo, a titolo informativo, le richieste fatte, giorni fa da ASI  in una richiesta ufficiale inviata al Ministro per le Politiche Giovanili e Sport Vincenzo Spadafora – sottoscritta da Virgin, Mcfit, Fitness Network Italia, Fitexpress, GetFIT, Tonic ed altri operatori primari del settore e della formazione” – prosegue la presidente di ASI:
– sostegno alle Associazioni Sportive Dilettantistiche e Società Sportive Dilettantistiche Istituzione di un fondo di solidarietà in favore dei collaboratori (allenatori, istruttori, dirigenti, amministrativi) della Asd e Ssd
– sistituire presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze, un “Fondo utenze” per sosternere la ripresa economica per gli impianti sportivi
– ridurre o sospendere il pagamento dei canoni per l’impiantistica sportiva pubblica e privata (mutui)
– istituire presso Sport e Salute Spa un fondo per risarcire i costi sostenuti per la copertura assicurativa per i tesserati (polizza infortuni, polizza Rct) da parte delle società iscritte al Registro Nazionale Coni, nel periodo di emergenza
– sospensione del pagamento delle utenze
– sospensione imposte relative alla gestione dell’impianto
– consentire ai tesserati che non hanno potuto fruire degli impianti, di dedurre integralmente i costi di abbonamenti.
“Sempre qui di seguito, dice Petroni,  riportiamo anche un estratto delle disposizioni del Decreto legge 17 marzo 2020 n. 18 che coinvolgono, direttamente o potenzialmente, il nostro mondo sportivo e dimostrano il grande lavoro di Pressing fatto, con la campagna #SOSTENIAMOLOSPORT , a tutela del mondo dello sport e del terzo settore, dal nostro Ente di Promozione Sportiva.

– L’art. 22 concede ai datori di lavoro del settore privato “e del terzo settore compresi” in conseguenza della emergenza epidemiologica da COVID – 19 trattamenti di cassa integrazione in deroga per il proprio personale dipendente, per la durata della sospensione del rapporto di lavoro e comunque per un periodo non superiore a nove settimane.

Agli sportivi titolari di partita Iva e ai titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, iscritti alla Gestione separata Inps, non titolari di pensione e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie è riconosciuta una indennità per il mese di marzo ’20 pari a 600 euro. Detta indennità, erogata dall’Inps, non concorre alla formazione del reddito. Detta indennità non potrà essere riconosciuta ai percettori di reddito di cittadinanza.Per quelle associazioni sportive dilettantistiche che fossero “anche” onlus o associazioni di promozione sociale, il termine per le modifiche statutarie ai fini dell’adeguamento al codice del terzo settore viene prorogato dal 30 giugno al 31 ottobre 2020. Entro il medesimo termine potranno procedere allo svolgimento della assemblea di approvazione del bilancio.Per le Federazioni Sportive Nazionali, Enti di Promozione Sportiva, associazioni e società sportive professionistiche e dilettantistiche, nonché per i soggetti che gestiscono stadi, impianti sportivi, palestre, club e strutture per danza, fitness e culturismo, centri sportivi, piscine e centri natatori vengono sospesi i termini per i versamenti delle ritenute alla fonte nonché gli adempimenti e i versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria.

– Con il comma 4 dell’art.73, rubricato “Semplificazioni in materia di organi collegiali”, sempre al fine di contrastare e contenere la diffusione del virus COVID-19 e fino alla data di cessazione del periodo emergenziale richiamato in precedenza, viene previsto che le associazioni private, riconosciute e non, e le fondazioni, che non abbiano regolamentato modalità di svolgimento delle sedute in videoconferenza, possano riunirsi secondo tali modalità, nel rispetto di criteri di trasparenza e tracciabilità previamente fissati, purché siano individuati sistemi che consentano di identificare con certezza i partecipanti nonché adeguata pubblicità delle sedute, ove previsto, secondo le modalità individuate da ciascun ente.

– Con l’art.95 del D.L. “Cura Italia”, rubricato “Sospensione versamenti canoni per il settore sportivo” si prevede che Federazioni Sportive Nazionali, Enti di Promozione Sportiva, associazioni e società sportive, sia professionistiche che dilettantistiche, con domicilio fiscale, sede legale o sede operativa nel territorio dello Stato, potranno sospendere dal 17 marzo fino al prossimo 31 maggio 2020 i termini di pagamento dei canoni di locazione e concessori relativi all’affidamento di impianti sportivi pubblici dello Stato e degli enti territoriali.

Viene previsto che il pagamento dei predetti canoni possa essere effettuato, alternativamente, in unica soluzione entro il 30 giugno 2020 senza applicazione di sanzioni ed interessi; In forma rateale, fino a un massimo di 5 rate mensili di pari importo a decorrere dal mese di giugno 2020.

– Con l’art.96 rubricato “Indennità collaboratori sportivi” viene previsto il riconoscimento, da parte di Sport e Salute S.p.A., di un’indennità per il mese di marzo pari a 600 euro anche in relazione ai rapporti di collaborazione di cui all’art. 67, comma 1, lettera m), del TUIR, già in essere alla data del 23 febbraio 2020, instaurati da federazioni sportive nazionali (FSN), enti di promozione sportiva (EPS), società e associazioni sportive dilettantistiche (SSD e ASD).

Detta indennità, per espressa previsione normativa, non concorre alla formazione del reddito del percettore. L’iter di presentazione della domanda prevede che gli interessati presentino alla società Sport e Salute S.p.a. un’autocertificazione attestante:

– la preesistenza del rapporto di collaborazione alla data del 23 febbraio 2020;
– la mancata percezione di altro reddito da lavoro.

Con un decreto del MEF da adottare entro il prossimo 1° aprile 2020 dovranno essere individuate le modalità di presentazione delle domande, definiti i criteri di gestione del fondo nonché le forme di monitoraggio della spesa e del relativo controllo. L’indennità verrà riconosciuta da Sport e Salute S.p.A. nel limite massimo dello stanziamento di 50 milioni di euro e che le domande presentate alla società Sport e Salute s.p.a. (la quale verificherà la corretta iscrizione di FSN, EPS, ASD e SSD al registro telematico tenuto presso il CONI), le istruisce secondo l’ordine cronologico di presentazione, Conclude Petroni.

Più informazioni su