Coronavirus. A Forlì 447 casi, 63 in più, in gran parte in una residenza per anziani

Più informazioni su

Aggiornamento della Regione ER delle ore 17.30 di venerdì 3 aprile

I CASI – Sono 15.932 i casi di positività al Coronavirus in Emilia-Romagna oggi 3 aprile, 599 in più rispetto a ieri. La crescita oggi è di circa il 3,9%, e il Commissario Venturi conferma il trend generale di decrescita progressiva, con dati sempre più incoraggianti che riguardano meno positivi nei risultati dei tamponi, meno pazienti gravi in terapia intensiva e meno persone che si rivolgono ai Pronto Soccorso per sintomi da Coronavirus. Ci sono anche più guarigioni. Purtroppo – ha detto il Commissario – ci sono ancora troppi decessi e questo è l’unico dato negativo.

LE PERSONE IN ISOLAMENTOComplessivamente, sono 6.900 le persone in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi, che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (oltre 300 in più rispetto a ieri). Si registra – ha detto il Commissario Venturi – un crescente numero di casi non gravi e con pochi sintomi.

LE TERAPIE INTENSIVELe persone ricoverate in terapia intensiva sono 364, 2 in meno di ieri. È la prima volta che cala in senso assoluto il numero delle terapie intensive e questo dato è molto importante. E si sono registrati 29 ricoverati in meno anche nei reparti non di terapia intensiva (3.915 oggi rispetto ai 3.944 che si contavano ieri).

LE GUARIGIONI – Le guarigioni raggiungono quota 1.852 (189 in più rispetto a ieri): si tratta di un numero in costante forte crescita.

I DECESSII decessi complessivi sono purtroppo passati a 1.902: 91 in più oggi, quindi, di cui 62 uomini e 29 donne. Per quanto riguarda i decessi, per la maggior parte sono in corso approfondimenti per verificare se fossero presenti patologie pregresse. I nuovi decessi riguardano 18 residenti nella provincia di Piacenza, 9 in quella di Parma, 14 in quella di Reggio Emilia, 9 in quella di Modena, 31 in quella di Bologna (nessuno in territorio imolese), 3 in quella di Ferrara, 2 nella provincia di Forlì-Cesena (nessuno nel forlivese), 4 in quella di Rimini. Nessun decesso si è verificato in provincia di Ravenna. Un solo decesso si riferisce a un residente fuori regione.

IL DETTAGLIO – In dettaglio, questi sul territorio i casi di positività, che si riferiscono sempre non alla provincia di residenza ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi:

  • 2.811 casi a Piacenza (46 in più rispetto a ieri)
  • 2.800 a Reggio Emilia (135 in più)
  • 2.498 a Modena (82 in più)
  • 2.339 a Bologna e Imola (114 in più)
  • 2.083 a Parma (34 in più)
  • 1.511 a Rimini (55 in più)
  • 656 a Ravenna (29 casi in più)
  • 447 a Forlì (63 in più, la percentuale di crescita è del 16,4%)
  • 419 a Cesena (14 in più)
  • 368 a Ferrara (27 in più).

Il Commissario Venturi ha affermato che il dato di Forlì è influenzato notevolmente dalla scoperta di un focolaio in una residenza per anziani del territorio, dove sono stati riscontrati molti casi di positività. Il TG3 Regione ha parlato della Casa di Riposo Pietro Zangheri di Forlì dove si sono positivizzate 28 persone negli ultimi 10 giorni.

Regole Coronavirus

LE 11 REGOLE DA SEGUIRE PER DIFENDERSI DAL CORONAVIRUS

1)  Lavarsi spesso le mani. Si raccomanda di mettere a disposizione in tutti i locali pubblici, palestre, supermercati, farmacie e altri luoghi di aggregazione, soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani.

2)  Evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute.

3) Evitare abbracci e strette di mano.

4) Mantenere, nei contatti sociali, la distanza interpersonale di almeno un metro.

5) Igiene respiratoria: starnutire e/o tossire in un fazzoletto evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie.

6) Evitare l’uso promiscuo di bottiglie e bicchieri, in particolare durante l’attività sportiva.

7)  Non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani.

8)  Coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce.

9)   Non prendere farmaci antivirali e antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico.

10)  Pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol.

11) Usare la mascherina solo se si sospetta di essere malati o se si presta assistenza a persone malate.

IL NUMERO VERDE REGIONALE: 800.033.033

IL NUMERO TELEFONICO NAZIONALE: 1500

 

LINK UTILI:

  • www.salute.gov.it
  • www.regione.emilia-romagna.it
  • www.auslromagna.it

 

Più informazioni su