Caso Dentix. Oltre 245 i pazienti si sono rivolti a Federconsumatori Forlì-Cesena: “Siamo a disposizione per assistenza”

Più informazioni su

Sono  oltre 245   i pazienti della catena odontoiatrica Dentix Italia  del territorio che sono rivolti a Federconsumatori Forlì – Cesena APS: S”iamo letteralmente assaliti ed i nostri telefoni squillano di continuo – spiegano. – Dentix Italia fa capo alla Dentix Spagna, che ha fatto richiesta in tribunale di istanza pre-fallimentare. È presente nel nostro Paese con 57 ambulatori, concentrati in 12 regioni anche nel Forlivese in Corso Mazzini, i pazienti sono trasversali, giovano, meno giovani, uomini e donne e italiani ed  stranieri. Ci sono interi nuclei familiari con tutto ciò può comportare dal punto di vista finanziario. Le problematiche sono di varie nature  e solo a titolo di esempi semplificativi : pazienti che hanno fatto metà dei lavori previsti, altri non hanno nemmeno iniziato ed altri ancora si lamentano per il lavoro fatto male, pazienti che hanno i denti in plastica in bocca altri ancora che hanno il vuoto totale”.

“Dal punto di vista finanziario , – avanzano – anche qui ci sono varie situazioni , sempre a titolo di esempi: il coinvolgimento di qualche finanziaria, di Istituto di credito, altri hanno pagato direttamente di tasca loro in contanti ed altri ancora in modo non del toto regolare, come ci riferiscono i pazienti. Spesso i pazienti vengono indotti ad accendere un finanziamento per affrontare le cure odontoiatriche necessarie. In tal modo Dentix incassa subito l’intero ammontare della parcella e il consumatore si fa carico degli interessi da riconoscere alla finanziaria complice. Dopodiché le cure proseguono lente e a singhiozzo: da alcune testimonianze emerge il forte sospetto che i pazienti siano indotti a sottoporsi a interventi sanitari non necessari addirittura e non appropriati. Ora sopraggiunge lo stop operativo”.

Federconsumatori ricorda “a tutti i cittadini coinvolti che gli sportelli salute di Federconsumatori anche a Forlì e a Cesena sono a disposizione per assistenza e informazioni sulle attività da mettere in campo per la loro tutela sul piano giuridico e medico-legale. Chi opera scorrettamente, approfittandosi della necessità di cura dei cittadini, non potrà e non dovrà farla franca: a maggior ragione in un momento come quello che le famiglie stanno attraversando all’indomani della pandemia e delle pesanti conseguenze sul piano economico che ha determinato. Le cure odontoiatriche per troppi cittadini sono divenute un vero e proprio calvario, vittime, nel privato non regolato, di società di capitali, votate al puro incasso finanziario e spesso prive di deontologia medica”.

In questi giorni l’Associazione “oltre essere impegnata a mettere in mora la società chiedendo tutte le documentazioni nonché le cartelle cliniche dei nostri associati e di tentare di sospendere i pagamenti , sta svolgendo degli incontri con tutte le società finanziarie coinvolte per cercare di trovare una soluzione a questa vicenda . Federcosumatori  Provincia di Forlì – Cesena APS  organizza  un assemblea riservata agli iscritti ed a coloro che hanno lasciato i loro dati nel  rispetto dei protocolli vigenti con le mascherine  per giovedì 16 luglio  2020 alle ore 17.00 presso la Sala Lama / Cgil  in via Pelacano n. 7 Forlì. Durante l’assemblea saranno illustrate tutti i percorsi avviati ed eventuali accordi raggiunti con le società finanziare , al suddetta assemblea oltre il presidente Prov.le della Associazione Milad Basir  partecipa anche il responsabile  del dipartimento  della Sanità  di Federconsumatori Nazionale Fabrizio Ghidini “.

Chi è interessato è pregato si rivolgersi ai seguenti numeri : 0543.37170 e mail: info@federconsumatorifc.it per organizzare nei prossimi ore un’altra assemblea sempre nel rispetto dei protocolli previsti.

Più informazioni su