Quantcast

Forlì. 37enne denunciata per furto aggravato e clandestinità

Più informazioni su

La Polizia di Stato di Forlì ha denunciato alla magistratura una cittadina macedone di 37 anni, per i reati di furto aggravato, falsa attestazione sulla propria identità personale e clandestinità.

L’intervento è avvenuto sabato pomeriggio, in seguito alla richiesta della titolare di un negozio del centro che aveva segnalato  una donna sorpresa in possesso di merce non pagata dopo avere oltrepassato le casse. La titolare l’aveva richiamata proponendole il pagamento, ma la straniera aveva restituito la merce e si era allontanata.

L’esercente sospettando che la donna avesse trattenuto altra merce, l’ha seguita ed ha chiamato la Polizia, che ha intercettato la ladra in piazza Saffi, sottoponendola a perquisizione, dalla quale sono stati ritrovati altri due oggetti, provenienti dall’esercizio dove era avvenuto il precedente episodio.

Gli agenti hanno così accompagnato in Questura la donna, che non aveva al seguito alcun documento identificativo. Durante la fase dell’identificazione ha dichiarato generalità che poi sono risultate false.

Con i rilievi delle impronte è infatti emerso il suo vero nome, e la sua posizione irregolare sul territorio nazionale. Di conseguenza, è spiccata nei suoi confronti la denuncia per i reati di furto, falsa dichiarazione sull’identità e clandestinità.

La merce, del valore di circa 50 euro, è stata tutta restituita alla proprietaria. La donna era incensurata e la sua posizione irregolare deriva dal fatto che pur essendo stata titolare di un permesso di soggiorno, era scaduto da alcuni mesi e non era stata inoltrata alcuna richiesta di rinnovo.

Tre cittadini albanesi sono stati sanzionati per la violazione della normativa afferente la prevenzione del contagio e diffusione della pandemia da covid 19. I tre sono stati identificati in centro all’interno della loro autovettura dove si stavano intrattenendo bevendo birre.
All’arrivo degli agenti, presenti in zona per verificare che il locale sanzionato e chiuso sabato pomeriggio osservasse la prescrizione, non avevano i dispositivi di protezione regolarmente indossati, per cui, notati dagli agenti, è scattata la sanzione di 400 euro per ciascuno di loro.

Più informazioni su