Quantcast

Il Comune di Forlì valuta l’acquisto di sistemi di aereazione e sanificazione per le aule scolastiche

Più informazioni su

La salubrità degli spazi e la sicurezza degli studenti forlivesi, al pari di quella degli operatori, sono al centro di un’indagine conoscitiva del Comune di Forlì per acquistare impianti di ventilazione meccanica finalizzati al ricircolo dell’aria e alla sanificazione delle aule scolastiche di competenza comunale.

“Far ripartire le lezioni in presenza è la nostra priorità. Farlo all’interno di un ambiente salubre, riducendo sensibilmente la distribuzione nell’aria di particelle infette e inquinanti, è sinonimo di sicurezza e garanzia di continuità nello svolgimento delle attività didattiche.” Ne è convinta l’Assessore alle politiche educative Paola Casara che, d’intesa con l’Assessore ai lavori pubblici, Vittorio Cicognani, sta ragionando “numeri alla mano, sulla possibilità di far installare in ogni classe di competenza comunale sistemi di sanificazione certificati che contribuiscano ad affrontare in maniera strutturale il problema della salubrità e della sicurezza degli spazi destinati ad alunni e docenti”.

“Tra l’altro – aggiunge l’Assessore Casara – si tratterebbe di interventi utili non solo contro il Covid, ma, più in generale, di un investimento a lungo termine volto al contrasto dei tradizionali virus influenzali e inquinanti in genere e al miglioramento della qualità della vita dei nostri ragazzi. Ovviamente il Comune si farebbe carico delle spese relative all’acquisto e all’installazione di questi sistemi in attesa, ci auguriamo, dell’intervento dello Stato o della Regione Emilia Romagna in materia di edilizia scolastica e sostegno alle politiche educative. L’utilizzo delle mascherine, il rispetto del distanziamento sociale e l’installazione di impianti di purificazione dell’aria potrebbero rappresentare un prezioso cambio passo in vista del tanto agognato ritorno in classe”.

“Quest’Amministrazione, nell’ambito delle sue competenze, farà tutto il possibile per restituire ai propri studenti aule più salubri e sicure” conclude l’Assessore Casara.

Più informazioni su