Quantcast

PD Forlì su chiusura Eataly in piazza Saffi: “Episodio che riassume in sé molte contraddizioni”

Più informazioni su

Il PD di Forlì è intervenuto in merito alla chiusura di Eataly in piazza Saffi a Forlì: “Ci ha profondamente colpito, poiché riassume in sé molte delle contraddizioni e delle criticità dei nostri tempi. La crisi di un grande marchio italiano, conosciuto nel mondo, in un settore, quello della ristorazione, che è stato gravemente segnato dalla pandemia – per quanto nel caso specifico segnali di crisi c’erano già da tempo, localmente come pure in altre sedi italiane.

La fragilità dei 31 lavoratori regolarmente assunti che, con modalità alquanto discutibili, vengono informati che il luogo dove per anni hanno svolto il loro lavoro quotidiano non sarà più parte dei loro progetti di vita, loro e delle loro famiglie, e che dovranno rivolgersi altrove, ammesso e non concesso che di questi tempi possano trovare alternative.

Le difficoltà di ridare vita e slancio a spazi centrali nella vita della città (piazza Saffi appunto) e ripensare il rilancio del centro storico: una riflessione avviata da anni, ma mai risolta, per la sua complessità e, inutile nasconderlo, per il contrapporsi di posizioni anche ideologiche che non hanno mai trovato un luogo di confronto pubblico tra le istanze di tutti i soggetti e i bisogni in causa.

I numerosi interventi di questi giorni sulla chiusura della sede forlivese di Eataly confermano quanto questo episodio sia emblematico della serissima crisi che stiamo attraversando, che richiede però un approccio innovativo, che guardi avanti, perché quando usciremo dalla pandemia nulla sarà come prima.

In questa vicenda il Partito Democratico di Forlì ha innanzitutto a cuore il destino dei lavoratori rimasti disoccupati e delle loro famiglie. Per questo motivo, ci rivolgiamo alla società che ha deciso la chiusura del punto vendita locale, chiedendole di assicurare il pieno e proficuo coinvolgimento dei sindacati e delle istituzioni locali, affinché si individuino i percorsi più rapidi ed efficaci per il ricollocamento degli ex dipendenti Eataly. Contestualmente, desideriamo anche appellarci alla Fondazione Cassa dei Risparmi, primo promotore dell’arrivo in città del gruppo Eataly, perché, ove possibile, riesca nuovamente a farsi fautore dell’occupazione dell’edificio da parte di attività e soggetti idonei a creare opportunità di sviluppo economico, sociale e culturale, del nostro centro cittadino.

La vicenda tuttavia porta con sé anche un altro tema, ovvero quello della qualificazione e del degrado del Centro Storico. Come PD cittadino abbiamo avviato un percorso di approfondimento, studio e confronto interno che ha l’obiettivo principale di attivare un dibattito pubblico nella città, non appena saranno ripristinate le condizioni per gli incontri in presenza, perché crediamo fortemente nella necessità di un contatto diretto su un tema così articolato e complesso.

Il presupposto di partenza della nostra riflessione è che il rilancio del Centro Storico debba essere affrontato a 360°, che integri in un’unica visione organica i temi della qualità della vita con le politiche per la residenzialità, la qualità e l’accessibilità dei servizi e la fruibilità degli spazi, degli eventi.

A nostro avviso, le proposte avanzate fino ad oggi hanno sempre avuto il limite di essere troppo settoriali, troppo limitate da approcci “…o…o”. Il rilancio del centro storico non può essere confinato al dibattito sull’accesso e il transito delle auto dei privati – senza distinzione tra residenti e non – e dei bus o del sostegno alle sole attività commerciali. Lo stesso progetto di Eataly, seppure ambizioso e “nuovo” per il nostro contesto locale, da solo non è stato sufficiente e non è stato in grado di creare l’effetto trainante auspicato. Altre esperienze negli anni hanno dimostrato (ricordiamo quelle di Via Giorgio Regnoli o Piazza Cavour) quanto determinante sia il coordinamento tra iniziativa privata, istituzioni e cittadini.

A questo proposito, ci sembra positivo che nel dibattito cittadino di questi giorni sembra esser tornato l’accento sulle politiche abitative. A questo ci ricolleghiamo per sottolineare come le esperienze positive degli ultimi anni si sono realizzate quando c’è stato un lavoro condiviso, inclusivo, attento ai diversi bisogni. Torniamo ad utilizzare quel metodo, aperto, per l’intero Centro Storico, per i suoi residenti e i suoi fruitori, valorizzando le peculiarità dei quartieri e le loro vocazioni, dentro a una visione complessiva della nostra città che rimetta “al centro” la qualità e la bellezza della vita e della fruizione del centro storico.

La storia ci insegna che le grandi crisi possono essere occasione per una grande rinascita: facciamo sì che questo avvenga anche a Forlì e apriamo un dibattito pubblico tra tutti gli attori in campo per costruire un progetto di rilancio del Centro Storico, uscendo dagli uffici dell’amministrazione e delle associazioni, coinvolgiamo i cittadini e confrontiamoci con le buone prassi e le politiche che hanno avuto successo in Italia e in Europa”.

Più informazioni su