Quantcast

Comuni della Romagna forlivese. In arrivo un nuovo spazio di sensibilizzazione sui rischi connessi al gioco d’azzardo

Più informazioni su

Uno spazio fisico di circa 300 mq, da individuarsi in una zona strategica della città ad alta visibilità, in cui promuovere azioni di sensibilizzazione, prevenzione e contrasto del fenomeno del gioco d’azzardo, volte a favorire l’emersione del problema e la domanda di aiuto. È questa una delle azioni innovative, per il 2021, contenute nel piano attuativo di zona per la salute e il benessere sociale del distretto dei Comuni della Romagna forlivese, riunitosi ieri mattina in modalità telematica e presieduto dall’Assessore alle politiche per la famiglia e al welfare del Comune di Forlì, Rosaria Tassinari.

“Il progetto, denominato City Lights – spiega l’Assessore Tassinari -, si inserisce nel più ampio panorama di azioni previste dal piano locale per il contrasto al gioco d’azzardo, rivolte a cittadini giovani e adulti, studenti e insegnanti, personale sanitario e socio-educativo, associazioni del territorio e giocatori patologici. Il centro di prevenzione che si andrà ad invidiare nel nostro territorio all’esito di un’accurata ricognizione degli spazi disponibili sarà un prezioso luogo di incontro e di confronto, curato da personale qualificato del nostro Comune in sinergia con i professionisti del Sert, in cui poter conoscere e approfondire la patologia del gioco d’azzardo”.

Ma il piano di zona per la salute e il benessere sociale del distretto forlivese non comporta solo azioni importanti sul fronte del contrasto al gioco d’azzardo. “Le risorse, pari a circa 2 milioni di euro sulla corrente annualità – aggiunge la Tassinari -, saranno ripartite per l’attuazione di 47 schede progettuali, di cui 4 legate all’emergenza covid, declinate in diversi ambiti di intervento ma riconducibili a 6 obiettivi prioritari: il rafforzamento delle reti territoriali e l’apertura di servizi strutturati, accreditati e non, alla comunità, la promozione dell’integrazione socio sanitaria verso la prossimità e la domiciliarietà, il rafforzamento dell’inclusione sociale, l’importanza della rete scolastica e familiare per favorire il benessere e la salute delle nuove generazioni, il maggiore coinvolgimento dei giovani e la promozione di una città come luogo da curare che crea nuove e importanti opportunità di sviluppo. Infine, anche quest’anno replicheremo i 4 filoni di intervento maturati nel 2020 dopo l’esplosione dell’emergenza covid; ovvero la messa in atto di azioni di contrasto alle diseguaglianze sociali, al fenomeno dell’emigrazione adulta, a quello della povertà minorile, educativa e relazionale di adolescenti e pre-adolescneti e, infine, azioni di promozione delle pratiche di innovazione sociale generatesi in seguito all’epidemia da covid-19″.

Più informazioni su