Quantcast

Consorzio di bonifica della Romagna Occidentale: approvato il bilancio 2020 di 18.375.000 euro, oltre 1.800.000 euro gli accantonamenti

Più informazioni su

Nei giorni scorsi il C.d.A. del Consorzio di bonifica della Romagna Occidentale ha approvato il bilancio consuntivo 2020 dell’Ente. Un bilancio relativo a un anno molto particolare, causa pandemia, che ha inevitabilmente avuto qualche riflesso, anche se minimo, sull’attività del Consorzio. Un’attività che è proseguita sempre senza soste, in alcuni limitati casi in modalità smart, per garantire appieno lo svolgimento della funzione a beneficio dei consorziati, la sicurezza idraulica del territorio, la fornitura dell’acqua irrigua per l’agricoltura. Senza tralasciare la fondamentale attività di progettazione delle opere atte ad ampliare la rete irrigua e a ridurre il rischio idraulico nel territorio e la successiva direzione lavori durante la loro esecuzione.

Sottolinea il Presidente del Consorzio di bonifica della Romagna Occidentale, Antonio Vincenzi: «L’emergenza Covid-19 non ha fermato, e non fermerà il lavoro del Consorzio, visto che purtroppo dovremmo averci a che fare anche in questo secondo semestre del 2021. Lavoro che prosegue nell’ottemperare i propri doveri nei confronti della società e degli agricoltori, in quanto la sicurezza idraulica del territorio e le necessità irrigue delle colture agricole non possono attendere. Il Consorzio cercherà di cogliere anche le opportunità che scaturiranno dal PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza), mettendo a disposizione la propria professionalità ed esperienza per attingere le risorse necessarie per realizzare i progetti indispensabili nell’interesse del territorio e di tutti i consorziati».

Complessivamente il conto economico relativo al bilancio 2020 quantifica i costi e i ricavi dell’ente in 18.375.000 euro. Di questi, 16.890.000 euro riguardano la gestione ordinaria, con principalmente costi tecnici e del personale di campagna per le complesse e capillari attività di manutenzione delle opere irrigue e di scolo, la cui piena funzionalità è condizione indispensabile per il mantenimento del delicato equilibrio dell’assetto idrogeologico del territorio. Inoltre, sono stati di 1.848.000 euro gli accantonamenti. Il ruolo degli accantonamenti è importantissimo, in quanto costituiscono una disponibilità per futuri investimenti in manutenzione straordinaria delle opere e ammodernamenti degli impianti, che sempre più si rendono necessari con il passare degli anni. Lo stato patrimoniale dell’Ente a fine esercizio risulta di 35.471.000 euro, con un rapporto molto soddisfacente tra attivo circolante e passività.

Il Consorzio di bonifica della Romagna Occidentale opera in un comprensorio di oltre 2.000 km quadrati (con una rete canali di 962 km), tra i fiumi Sillaro a ovest, Lamone a est, Reno a nord e il crinale appenninico tosco-romagnolo a sud. Cinque le province coinvolte: Ravenna, in prevalenza; Bologna, nell’area imolese; Forlì-Cesena, nell’area collinare di Modigliana e Tredozio; Ferrara, al confine nord-ovest del comprensorio; Firenze, nel versante adriatico della Regione Toscana che comprende i centri abitati di Firenzuola, Palazzuolo e Marradi. 35 i comuni che fanno parte del comprensorio. Il Consorzio, che ha sedi a Lugo, Faenza, Imola e Firenzuola, è articolato in due distretti: pianura e montano.

Più informazioni su