Quantcast

Ok da commissione Parità a programmazione fondi europei: contrasto alle diseguaglianze, politiche di genere e impegno per le nuove generazioni

Più informazioni su

La Commissione Pari Opportunità, presieduta da Federico Alessandro Amico, ha dato parere positivo alla prossima programmazione dei fondi europei proposta dalla Giunta (“Adozione del Programma Regionale FESR dell’Emilia-Romagna 2021-2027 e “Adozione del Programma Regionale FSE+ dell’Emilia-Romagna 2021-2027)

Prosegue, così, il percorso dei due progetti di legge che regolano priorità, progetti e obiettivi per l’utilizzo dei fondi europei nei prossimi anni, illustrati dal Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Davide Baruffi, che ha spiegato: “Abbiamo deciso di sostenere la lotta alle diseguaglianze e di attivare tutte le iniziative possibili per sostenere la parità di genere. I bandi (previsti per i fondi europei, ndr) dovranno tenere presente le priorità legate alla parità di genere”.

Disco verde alla programmazione dei fondi europei è arrivata da Palma Costi (Pd) per la quale “quella femminile è una delle maggiori diseguaglianze esistenti. Le politiche europee e nazionali hanno proprio nella parità di genere uno degli obiettivi strategici, quindi è giusto, come ha sottolineato il Sottosegretario Baruffi, che la Regione si impegni a introdurre in maniera trasversale l’impegno per il contrasto alla diseguaglianze di genere. Dobbiamo puntare a un aumento della quantità e della qualità dell’occupazione e per questo si deve investire prioritariamente sulla formazione”.

Apprezzamento per l’illustrazione del Sottosegretario Baruffi e per la programmazione dei fondi europei è stata espressa dal Presidente della Commissione Parità Federico Alessandro Amico.

Più informazioni su