Le notizie dal territorio

Informazione Pubblicitaria

Network Market: da professionista ad imprenditore

Network Market e Trading online sono la realtà dell’attuale rivoluzione del mondo del lavoro. Bene o male tutti gli abitanti del terzo millennio devono piano piano fare i conti con la realtà: se si parla di lavoro, i miti delle generazioni precedenti come “il posto fisso” o “il contratto a tempo indeterminato” si stanno sfaldando a sempre maggior velocità.

Ormai i paesi che hanno visto una forte industrializzazione nel secolo scorso stanno via via abbandonando il vecchio paradigma della massiccia produzione di beni materiali e adattarsi alla nuova necessità di produzione unicamente di servizi, la maggior parte dei quali dedicati alla circolazione delle merci della cui produzione si occupano altri paesi che stanno attualmente attraversando la fase di industrializzazione.

La cosa è evidente se si tiene a mente la tendenza delle industrie a trasferire altrove i propri impianti produttivi, lasciando unicamente gli uffici nel paese in cui prima erano collocate.

A questa tendenza si è associata la comparsa di due nuovi sbocchi professionali: il Network Marketing e il Trading online.

Trading online: promozione finanziaria del settore industriale

Il trading online è un settore strettamente collegato alla produzione industriale, ma da un punto di vista diverso: ciò che esso necessita, infatti, non è una massa di operai in cerca di impiego più o meno fisso in fabbrica, ma liberi professionisti, o meglio, liberi imprenditori che investono sui mercati finanziari.

La liquidità e i volumi di scambio sui mercati finanziari, di fatto, permettono alle industrie di avere a disposizione una fonte di profitto alternativa a quella proveniente dalla produzione e dalla commercializzazione di merci. In tal modo esse possono accelerare i propri processi sia di ricerca che di produzione.

Mobilità dei mercati finanziari è da tempo diventato un sinonimo di crescita economica complessiva, motivo per cui investire su azioni, materie prime o Forex è il nuovo e peculiare modo che le persone del nuovo millennio hanno a disposizione per partecipare alla vita economica dell’intero pianeta.

Network Market

Ad affiancare il Trading Online vi è il Network Market: rispetto al primo presenta allo stesso tempo livelli di difficoltà e di specializzazione maggiore e potenzialità di profitto decisamente superiori.

Se si considera che con il trading online circa il 25% degli investimenti risulta portare profitti, con il Network Market la percentuale scende ad appena l’1%. Si tratta di numeri che possono spaventare, ma che, a nostro avviso, sono riconducibili alla tenera età del settore: entrambi hanno poco più di un decennio di vita e un bacino di utenza molto ampio.

Riuscire a raggiungere tutto il bacino di utenza con informazioni valide, attendibili e capaci di comunicare tutto ciò che c’è da sapere non è affatto un procedimento semplice e immediato, ma i risultati si fanno vedere con il tempo.

Basti pensare che poco tempo fa a guadagnare con il trading online era appena il 20% degli investitori (oggi il 25%) e con il Network Market erano appena lo 0,56% (oggi l’1%).

Il Network Market si occupa della rivendita online di determinati prodotti grazie alla creazione di un sito apposito. I profitti derivano dalle provvigioni sulle vendite, ovvero dal numero di persone che, visitando il sito, poi proseguono con l’acquisto della merce pubblicizzata.

Per riuscire a ottenere risultati, vien da sé, è necessario sapere:

  • Come creare un sito, in modo che risulti essere semplice, intuitivo e capace di informare il cliente, creando un legame di fideizzazione con i visitatori;
  • Come promuovere un sito, ovvero come fargli ottenere visibilità e fare in modo che raggiunga quante più persone possibile;
  • Come vendere un prodotto e a chi venderlo, ovvero nozioni fondamentali di psicologia di marketing e strategie fatte a regola d’arte per rivolgersi unicamente a chi è veramente interessato al prodotto e che non ti faccia perdere tempo;

Per tal motivo abbiamo detto che il professionista sta diventando sempre più un imprenditore, ovvero una persona capace di sfruttare al meglio, in maniera creativa ed elastica, tutte le conoscenze che possiede.

Più informazioni su